Pixel Facebook
Chiedi rimborso

Tutti i fenomeni meteorologici in cui puoi incappare in volo

In ogni caso, sappi che l'aereo è considerato il mezzo più sicuro

Volo con pioggia
10/06/2020 - Tempo di Lettura: 1 min.

C'è una cooperazione solida fra ICAO e WMO per la sicurezza del volo

Non è di certo un fatto nuovo che l'aereo, benché i classici triti e ritriti pregiudizi, sia considerabile in assoluto il mezzo di trasporto più sicuro. Ciò è naturalmente possibile grazie a molteplici fattori, tra cui l'utilizzo di un codice universale per la trasmissione e per la conseguente decrittazione dei bollettini meteorologici, valido per tutti gli aeroporti del mondo, a prescindere dalla pertinenza linguistica, dalla cultura e dalle diverse origini; tale misura è frutto della solida cooperazione tra due importantissime organizzazioni mondiali per la sicurezza in volo, l'ICAO (l'Organizzazione Internazionale per il Trasporto Aereo Civile) e la WMO (l'Organizzazione Mondiale per la Meteorologia).

Nel nostro paese il compito di fornire i bollettini meteorologici spetta all'Aeronautica Militare e ad ENAV (l'Ente Nazionale per l'Assistenza al volo) per gli aeroporti di competenza. Le cosiddette previsioni meteorologiche invece prescindono dal controllo visivo ed obiettivo del personale addetto e dalle valutazioni delle stazioni meteo opportunamente presenti negli impianti aeroportuali. Questo genere di informazioni è a disposizione di tutto il personale di comando che, al fine di garantire sicurezza in tutte le fasi di volo dovranno tenere conto non soltanto delle condizioni metereologiche riscontrabili nell'aeroporto di partenza, ma anche lungo la rotta e per naturale ovvietà anche rispetto all'aeroporto di arrivo.



Quali sono i fenomeni che possiamo incontrare?

Cominciamo dal fenomeno più frequente: il temporale. Esso è tecnicamente una perturbazione di durata limitata, che può essere interessato occasionalmente dalla presenza di lampi e tuoni, e più frequentemente da raffiche di vento, pioggia o grandine. Durante la fase di decollo (e allo stesso modo, anche in quella di atterraggio), tenuto conto dell'esperienza dei piloti e in relazione all'intensità con cui si manifesta un fenomeno meteorologico di questo genere è letteralmente possibile farvi breccia, attraversandolo realmente; in volo questa operazione è invece da evitarsi e ove dovesse porsi la necessità di imbattersi in un temporale, si riuscirebbe a prevenire ogni possibile avvicinamento al medesimo, grazie agli avvisi informativi via radio ma soprattutto grazie ai meteo radar installati sul muso degli aeromobili, in grado di percepire la presenza di un temporale anche a diversi chilometri di distanza.

In caso di esposizione a basse temperature è una conseguenza più che possibile la formazione di uno strato di ghiaccio che può interessare tanto le ali quanto i sensori rinvenibili all'esterno dell'aeromobile. Onde evitare complicazioni di questo genere, ancor prima di decollare, gli aeromobili effettuano una procedura de-icing (locuzione anglofona che corrisponde letteralmente all'italiano sghiacciamento); in buona sostanza attraverso speciali mezzi presenti negli aeroporti viene spruzzato un liquido antighiaccio sull'aeromobile che ne previene efficientemente la formazione. Tra i possibili rischi in cui si può incorrere a causa dell'esposizione dell'aeromobile a basse temperature (e nel caso in cui naturalmente non si provveda preventivamente ad evitare la formazione di ghiaccio) vi è la possibilità di ostacolare il movimento di alcune superfici mobili come flap, alettoni e timone di coda, di ghiacciare i sensori al punto di indurli a trasmettere errate informazioni agli strumenti di bordo, oltre che di appesantire nel vero senso della parola il mezzo.

Altro fenomeno meteorologico piuttosto frequente e per cui è indispensabile una costante attività di monitoraggio per garantire la sicurezza in volo è senz'altro la nebbia. In base alla visibilità, spesso compromessa da questo fenomeno, si statuisce se si può decollare o atterrare in sicurezza; tuttavia, benché autorizzati al decollo (o all'atterraggio) sia il personale di comando che gli aeromobili dovranno essere certificati per operare un atterraggio strumentale con pilota automatico, specie nel caso in cui la visibilità durante il volo potrebbe essere molto scarsa.
Un fenomeno particolarmente poco caro ai passeggeri, ma di carattere prettamente meteorologico, riguarda quelli che in gergo popolare sono definiti vuoti d'aria. Tale definizione è piuttosto imprecisa e possiamo in un certo qual modo affermare che tali situazioni sono spesso normali, dal momento che i gas che formano l'atmosfera sono per natura sempre presenti: tuttavia è bene specificare che questo fenomeno è meglio noto come turbolenza. Tra le cause che ne provocano il verificarsi, specie in fase di decollo, ricordiamo gli spostamenti d'aria generati dalla partenza di un altro aeromobile: per questo motivo i controllori di volo autorizzano il successivo decollo dopo qualche minuto rispetto ad un'altra partenza. Durante il volo invece, la causa principale dei cosiddetti vuoti d'aria è da attribuirsi al cambio di direzione del vento, che può rendere la turbolenza tanto severa quanto è forte l'intensità dello stesso. Il verificarsi di questo genere di scossoni è facilmente prevenibile grazie al radar presente a bordo, motivo per cui in questi casi i piloti avvisano i passeggeri di allacciare preventivamente le cinture di sicurezza. Può paradossalmente verificarsi di imbattersi in una turbolenza imprevista, anche in condizioni di cielo sgombero da nubi o altri fenomeni meteorologici: si tratta di quella che in gergo tecnico è definita CAT, acronimo che sta per turbolenza in aria chiara e come è comprensibile, tale turbolenza non è prevedibile.

Tanto per le fasi di decollo che per quelle di atterraggio i piloti vengono opportunamente avvertiti da controllori di volo e dai rilevamenti strumentali di bordo dell'eventuale presenza di cosiddetti wind shear: si tratta di una improvvisa variazione di vento, particolarmente pericolosa in fase di atterraggio dal momento che tale massa d'aria può investire l'aeromobile tendendo quasi a spingerlo verso il suolo: inutile specificare che occorre prontezza di riflessi da parte dei piloti, per scongiurare conseguenze riiniziando la manovra di atterraggio.

In ultimo, non per importanza, ma tuttalpiù per la sporadica frequenza con cui possono verificarsi, annoveriamo le eruzioni vulcaniche, responsabili spesso della chiusura repentina dello spazio aereo di molti scali. La cenere vulcanica infatti è particolarmente dannosa per i motori degli aeromobili dal momento che può inceppare ed ostacolare il funzionamento dei sensori esterni dell'aeromobile e dei motori.

Se il tuo volo ha subito un ritardo o una cancellazione, in ogni caso, non esitare a contattarci, verificheremo la situazione e potresti ottenere fino a € 600,00 di compensazione pecuniaria o un rimborso spese.



Ultime curiosità compagnie aeree

curiosita
Bagaglio a mano Lufthansa: ecco le regole da seguire

Bagaglio a mano Lufthansa: ecco le regole da seguire

In caso di volo con Lufthansa, ecco quali sono le disposizioni a cui adeguarsi per la valigia da cabina

01/07/2020
leggi tutto
curiosita
Ecco le regole da seguire per il bagaglio a mano easyJet

Ecco le regole da seguire per il bagaglio a mano easyJet

Leggi attentamente questa breve guida sulle regole easyJet bagaglio a mano ed affronta con serenità il tuo volo aereo

01/07/2020
leggi tutto
curiosita
Ryanair: ecco le regole per un corretto bagaglio a mano

Ryanair: ecco le regole per un corretto bagaglio a mano

Presta attenzione a questa breve guida sulle regole Ryanair ed affronta in tutta tranquillità il tuo volo aereo Ryanair

01/07/2020
leggi tutto
curiosita
Overbooking Ryanair, ecco cosa fare in caso di negato imbarco

Overbooking Ryanair, ecco cosa fare in caso di negato imbarco

Durante la fase del check-in il personale di terra Ryanair ti informa che la tua prenotazione è in Overbooking?

01/07/2020
leggi tutto
curiosita
Overbooking Volotea, cosa fare in caso di negato imbarco

Overbooking Volotea, cosa fare in caso di negato imbarco

Niente panico! Ecco come fare per arrivare comunque a destinazione con un ritardo minimo oppure con le “tasche piene”

01/07/2020
leggi tutto

Come ottenere risarcimento volo

Risarcimento ritardo aereo

Il tuo volo è in ritardo di oltre 3 ore? Ti spetta un risarcimento che arriva fino a 600€. I tempi della pratica sono brevissimi. Cosa aspetti? Chiamaci!

Rimborso volo cancellato

Ti hanno cancellato il volo? Sei nel posto giusto! Contattaci subito e avvia la pratica di rimborso e/o risarcimento. Compila il form in alto alla pagina.

Rimborso overbooking

Ti hanno negato l’imbarco? Ti faremo ottenere il risarcimento in maniera facile e gratuita. Contattaci facilmente tramite e-mail.

Rimborso bagaglio smarrito

Ti hanno smarrito la valigia? Chiedi subito e gratuitamente il risarcimento del danno. Da anni facciamo ottenere i giusti indennizzi ai passeggeri. Contattaci.

Rimborso bagaglio danneggiato

Ti sei accorto che la tua valigia è danneggiata? Fai subito una foto con il tuo smartphone al bagaglio e mettiti in contatto con noi. Ti assisteremo gratuitamente.

Rimborso bagaglio in ritardo

Stanco di attendere la tua valigia in ritardo? Hai sicuramente subito un danno! Chiedi il risarcimento a costo zero anche con WhatsApp.