Pixel Facebook
Chiedi rimborso

Volo cancellato per sciopero?

Ecco come ottenere il rimborso delle Spese Extra

Volo cancellato per sciopero?

Come ormai molti sanno i “diritti dei passeggeri” sono inquadrati all'interno del Regolamento Europeo 261 del 2004, dalla sua rettifica e dai numerosi orientamenti interpretativi che negli anni si sono susseguiti, tale regolamento inquadra quelli che sono i diritti dei passeggeri nei confronti delle compagnie aeree che colposamente costringono i propri passeggeri a subire gravi disagi derivanti da voli in ritardo, cancellazioni inattese ed overbooking. Per questi disservizi, infatti, viene riconosciuto un risarcimento specifico, la compensazione pecuniaria, che varia essenzialmente in riferimento alla distanza chilometrica della tratta aerea, da 250 a 600 euro per singolo passeggero.

Sappiamo benissimo però che tale compensazione pecuniaria non viene concessa qualora il disagio aereo sia stato causato da una delle tante “circostanze eccezionali” non addebitabili alla diretta responsabilità della compagnia aerea, fra queste, naturalmente, vi è lo sciopero.

Niente compensazione pecuniaria ovvero niente danni morali per disservizi aerei causati da sciopero significa che i malcapitati passeggeri non abbiano alcun diritto nei confronti della compagnia aerea ? Sbagliato!

Anche in questo caso, come per qualunque altra circostanza eccezionale entrata in gioco a causare il disservizio aereo, arriva in aiuto nuovamente il Regolamento 261/2004 attraverso il “diritto di assistenza” e “diritto a rimborso o all'imbarco su volo alternativo”, contenuti rispettivamente all'interno dell'Articolo 9 e 8.

Ci sembra quindi importante ricordare ai passeggeri come è possibile uscire da situazioni scomode legate alla cancellazione del proprio volo quando la compagnia aerea di riferimento non offre la giusta assistenza.

Proseguiamo dunque facendo degli esempi concreti.

A poche ore dalla partenza riceviamo un messaggio da parte della compagnia aerea con il quale veniamo informati della cancellazione del nostro volo a causa di sciopero, cosa fare?

Se decideremo di rinunciare al volo sarà sufficiente richiedere il rimborso del volo attraverso i link presenti all'interno della comunicazione stessa di cancellazione, se invece avremo necessità di fare comunque il nostro volo, leggete con attenzione le indicazioni appresso riportate:

1) Attraverso i link presenti all'interno del messaggio di cancellazione (mail, SMS, oppure APP della compagnia aerea installata sullo smartphone) cercare di ottenere un volo alternativo il prima possibile. In questa fase, qualora non dovessimo trovare un volo alternativo sconsigliamo di optare immediatamente per la richiesta di rimborso volo cancellato in quanto rimborsando il biglietto la compagnia aerea termina di fatto nei confronti del passeggero il proprio dovere di assistenza.

2) Qualora la procedura precedente non porti all'ottenimento di un posto su un volo alternativo il passo successivo è quello di mettersi il prima possibile in contatto con il customer care della compagnia aerea con cui avremmo dovuto volare e che ha cancellato il volo: se ci si trova in aeroporto è preferibile rivolgersi direttamente al desk della compagnia aerea chiedendo un volo alternativo. Fila troppo lunga? Provare a contattare l'assistenza clienti telefonica della compagnia aerea tenendo in mente il fatto che i customer care telefonici di tutte le compagnie aeree sono a pagamento e l'attesa (che si paga) potrebbe essere parecchio lunga e quindi economicamente dispendiosa. Altra alternativa? Provare ad accedere al servizio chat presente su molti siti web delle compagnie aeree. Qualunque sia il metodo che utilizzeremo per comunicare con la compagnia aerea lo scopo sarà sempre il medesimo: ottenere un volo alternativo il più possibile ravvicinato nel tempo.

Se otterremo un volo alternativo gratuito offerto dalla compagnia aerea, il cosiddetto “volo di riprotezione” avremo raggiunto il nostro scopo e la compagnia aerea avrà applicato nei nostri riguardi la giusta assistenza, ma non è finita qui.

Consideriamo infatti la casistica in cui il volo di riprotezione ci venga offerto dalla compagnia aerea a distanza di uno o più giorni di distanza rispetto alla nostra prenotazione cancellata a causa di sciopero, in questo caso naturalmente entreranno in gioco diverse altre spese da sostenere prima di riuscire a raggiungere l'agognata destinazione, quali? Magari un albergo per passare una o più notti fino al volo di riprotezione, magari pasti consumati fuori e magari ancora spostamenti dall'aeroporto all'hotel o viceversa.

Bene, anche tutte queste spese faranno parte del dovere di assistenza della compagnia aerea e su quest'ultima ricadrà l'onere del pagamento!

Ricapitolando quanto appena espresso dunque, il diritto di assistenza che il passeggero può vantare nei confronti della compagnia aerea riguarda:

  • volo di riprotezione;
  • eventuale vitto ed alloggio fino all'arrivo a destinazione;
  • eventuali spostamenti tra aeroporto e alloggio.

E qualora la compagnia aere si rendesse non contattabile o peggio ancora non fornisse alcuna assistenza?

In quest'ultimo caso il passeggero vittima di cancellazione causata da sciopero potrà sostituirsi egli stesso alla compagnia aerea e all'assistenza che quest'ultima avrebbe dovuto prestare approntando di propria tasca le spese relative a volo alternativo, eventuali vitto ed alloggio ed eventuali spostamenti da e verso l'aeroporto avendo cura rendicontare tutte le spese sostenute conservando scontrini e fatture di acquisto.

Tutte le spese extra sostenute dal passeggero fino all'arrivo a destinazione (aeroporto di arrivo della prenotazione originaria o aeroporto di destinazione compatibile al volo di riprotezione) potranno essere addebitate in un secondo momento alla compagnia aerea il cui volo è stato cancellato a causa di sciopero.

Esiste un massimale di spesa riconosciuto dal Regolamento Europeo 261/2004? La risposta è NO!

Ciò, tuttavia, non significa che a fronte di mancata assistenza da parte della compagnia aerea il passeggero potrà bivaccare a suo piacimento tra resort di extra lusso e ristoranti pluristellati per poi presentare il salato conto alla compagnia aerea. Naturalmente ci si rifà anche il questo caso a quella figura mitologica sempre più rara chiamata “buonsenso”, occhio quindi a non eccedere troppo con le spese extra, rischiereste di ottenere un'accettazione parziale o peggio ancora, un netto rigetto da parte della compagnia aerea.

Quali spese, riconducibili alla cancellazione causa sciopero del nostro volo, non sono addebitabili alla diretta responsabilità della compagnia aerea?

Non saranno addebitabili alla compagnia aerea tutti i beni o servizi acquistati e non goduti a destinazione a causa della cancellazione (o del ritardo) del volo, ad esempio: maggiorazione del parcheggio auto in aeroporto visto il ritardo all'arrivo, eventuali biglietti per eventi culturali o sportivi persi a destinazione a causa della cancellazione, eventuali giornate di hotel perse a destinazione a causa della cancellazione, ecc.

Detto questo non resta molto altro da descrivere se non alcuni casi specifici che di rado si verificano e che non riteniamo sia il caso di annoverare all'interno di questo post già carico di contenuti, con il quale speriamo di aver fornito un quadro comprensibile ed il più dettagliato possibile inerente il diritto di assistenza dei passeggeri nei confronti delle compagnie aeree nei casi di cancellazione di volo a causa di sciopero.

Ci preme tuttavia sottolineare a tutti quei lettori che arrivati alla fine di questo lungo post, che tra l'altro ringraziamo sentitamente per la lettura, siano consapevoli dei propri diritti e di quanto possa essere a volte difficile ottenerli soprattutto quando l'assistenza dovrebbe arrivare da una di quelle compagnie aeree che notoriamente brillano per la cura riservata alla “good Experience” dei propri passeggeri.

Può capitare infatti che ottenere il rimborso delle spese extra sostenute a volte rappresenti per gli sfortunati passeggeri una vera e propria battaglia contro i mulini a vento, scontrandosi più e più volte contro mori di gomma che spesso non portano nemmeno ad avere una minima risposta da parte del vettore aereo chiamato in causa.

Per tutti questi casi dunque, l'invito non può che essere quello di approfittare dei servizi messi a disposizione dalla claim company Italia Rimborso, società leader sul territorio italiano della cosiddetta litigation funding, un servizio prestato a titolo totalmente gratuito che realmente può fare la differenza tra una vacanza che subisce un intoppo, poi fortunatamente superato, ed una vacanza da incubo.

Quindi, se anche tu hai subito la cancellazione di un volo e non hai ottenuto la giusta assistenza da parte della compagnia aerea, puoi attivare una richiesta di rimborso di spese extra sostenute per arrivare a destinazione semplicemente inviando una email ad info@italiarimborso.it inserendo come oggetto “spese extra per volo cancellato a causa di sciopero”, inserendo nel corpo del testo una descrizione sintetica ma dettagliata del disservizio vissuto con specifico riferimento alle modalità con cui si è riusciti a raggiungere la destinazione finale. Allega inoltre alla mail i seguenti documenti:

1) documento di identità in corso di validità fronte e retro;

2) copia della prenotazione completa del volo cancellato a causa di sciopero;

3) copia di scontrini e fatture relative alle spese extra sostenute dal passeggero fino all'arrivo a destinazione;

4) Rendicontazione delle spese sostenute voce per voce con sommatoria finale degli importi.

La documentazione richiesta dovrà essere inviata per singolo passeggero.

Ultimi Voli Cancellati e Ritardi Aerei

news
Quasi 5 ore di ritardo per gli italiani in volo da Barcellona

Quasi 5 ore di ritardo per gli italiani in volo da Barcellona

Ritardo aereo nella notte per il volo Barcellona-Milano Malpensa con il volo aereo della compagnia EasyJet.

06/12/2021
leggi tutto
news
Nottata in aereo per i passeggeri del volo Wizz Air Bologna-Catania

Nottata in aereo per i passeggeri del volo Wizz Air Bologna-Catania

In applicazione del Regolamento Comunitario 261 del 2004, ItaliaRimborso fornisce assistenza gratuita ai passeggeri

06/12/2021
leggi tutto
news
Fine settimana nero per il volo Pescara-Bergamo, ai passeggeri 250 €

Fine settimana nero per il volo Pescara-Bergamo, ai passeggeri 250 €

Grazie al Regolamento Comunitario 261 del 2004 i passeggeri che hanno subito il disservizio possono ottenere 250 euro

06/12/2021
leggi tutto
news
Ritardo volo Amsterdam-Bari e ritorno, ai passeggeri 400 euro

Ritardo volo Amsterdam-Bari e ritorno, ai passeggeri 400 euro

I passeggeri possono ricevere 400 euro come compensazione pecuniaria per il disservizio subito nel volo aereo

03/12/2021
leggi tutto
news
3 ore di ritardo per il Wizz Air Catania Roma e ritorno

3 ore di ritardo per il Wizz Air Catania Roma e ritorno

ritardo per il Wizz Air Catania Roma e ritorno del 1 dicembre, i passeggeri possono attivare una richiesta risarcitoria

02/12/2021
leggi tutto

Come ottenere risarcimento volo

Risarcimento ritardo aereo

Il tuo volo è in ritardo di oltre 3 ore? Ti spetta un risarcimento che arriva fino a 600€. I tempi della pratica sono brevissimi. Cosa aspetti? Chiamaci!

Rimborso volo cancellato

Ti hanno cancellato il volo? Sei nel posto giusto! Contattaci subito e avvia la pratica di rimborso e/o risarcimento. Compila il form in alto alla pagina.

Rimborso overbooking

Ti hanno negato l’imbarco? Ti faremo ottenere il risarcimento in maniera facile e gratuita. Contattaci facilmente tramite e-mail.

Rimborso bagaglio smarrito

Ti hanno smarrito la valigia? Chiedi subito e gratuitamente il risarcimento del danno. Da anni facciamo ottenere i giusti indennizzi ai passeggeri. Contattaci.

Rimborso bagaglio danneggiato

Ti sei accorto che la tua valigia è danneggiata? Fai subito una foto con il tuo smartphone al bagaglio e mettiti in contatto con noi. Ti assisteremo gratuitamente.

Rimborso bagaglio in ritardo

Stanco di attendere la tua valigia in ritardo? Hai sicuramente subito un danno! Chiedi il risarcimento a costo zero anche con WhatsApp.